Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

L'effetto COVID19 sul K-pop: la morte delle piccole etichette

L’effetto COVID19 sul K-pop: la morte delle piccole etichette

| On 26, Set 2020

La bolla del COVID19 è esplosa e sta colpendo le piccole etichette musicali, che si ritrovano a lottare per la loro sopravvivenza nonostante sia un periodo di boom nel K-pop. Cosa sta succedendo?

Le etichette discografiche K-pop hanno perso uno dei flussi di entrate più redditizie a causa della pandemia COVID-19: le loro star che si esibiscono di fronte a una folla enorme. Nel disperato tentativo di sopravvivere alla crisi, molti si sono rivolti a piattaforme e concerti online. I BTS, ad esempio, hanno eseguito il concerto virtuale “Bang Bang Con: The Live” a giugno e sono riusciti ad attirare più di 750.000 spettatori paganti in tutto il mondo; si stima che la Big Hit Entertainment abbia guadagnato circa 22 miliardi di won (18 milioni di dollari) dalla vendita dei biglietti.

La boy band SuperM ha organizzato il concerto online “SuperM – Beyond the Future” ad aprile, attirando un pubblico di circa 75.000 spettatori. Si stima che l’SM Entertainment abbia guadagnato più di 2,4 miliardi di won (1,9 milioni di dollari) con l’evento.

I concerti online possono essere una soluzione per BTS, SuperM, ma non lo sono certo per molte altre star. Infatti molte piccole e medie imprese nel settore non sono riuscite a trovare soluzioni per mantenere redditizie le loro attività, come spiega Yoon Dong-hwan, vice presidente della Record Labels Industry Association (LIAK) e CEO della società MYmusic Ent.

“Penso che il concerto virtuale sia redditizio solo per le prime 10 star K-pop (in termini di popolarità) che hanno un solido fandom in Corea e oltreoceano”, ha detto Yoon al Korea Times. “Molte altre star meno popolari (soprattutto all’estero) hanno provato ma non sono riuscite a renderle redditizie.” Infatti se gruppi famosi come gli NCT127 in tutto il mondo con un biglietto da 30 dollari ne hanno venduti ‘solo’ 75.000 rispetto ai 750.000 dei BTS, è chiara espressione delle difficoltà che gruppi molto meno famosi possono incontrare.

“I potenti come Big Hit e SM hanno le proprie piattaforme online per trasmettere in streaming live un concerto, ma le agenzie K-pop più piccole no”, ha detto Yoon. “Quindi circa il 40-50% dei profitti dei loro concerti va ai proprietari della piattaforma che trasmettono in streaming e promuovono l’evento per loro conto.” Ha detto che le aziende pagano anche per luoghi, suono, illuminazione, strumenti, abiti e catering ecc. È lo stesso degli spettacoli offline, solo senza il pubblico e con biglietti che devono essere più bassi, più convenienti: circa 30.000 won (25/26 euro), contro i minimo 100.000 won dei tour (in media).

“Alla luce di tutto ciò, è difficile per le agenzie più piccole generare entrate a meno che i loro artisti non abbiano un fanbase molto forte che pagherà comunque per eventi in cui non possono vedere le stelle di persona”, ha detto Yoon.

Nel tentativo di aiutare le imprese di intrattenimento in difficoltà, il 1 settembre il Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo ha annunciato che investirà 29 miliardi di won nella costruzione di uno studio e nell’organizzazione di concerti online per loro, ma per gli addetti ai lavori tutto ciò in realtà sarà di scarso aiuto.

“Una band K-pop senza un forte fandom internazionale non può attrarre abbastanza spettatori per rendere redditizi i concerti virtuali”, ha detto Yoon. “Una cosa che il ministero può provare è riunire grandi star e meno popolari per eventi congiunti. Ma ha bisogno di pensare di più a come rendere l’offerta più attraente per le superstar che non hanno bisogno di aiuto.”

Il critico Park Soo-jin, che scrive per la rivista musicale IZM, è d’accordo. “Credo che ciò di cui hanno bisogno le società K-pop piccole e medie non sia uno studio, ma più opportunità per i loro artisti di ricevere attenzione con la loro musica. Dubito, poi, che la struttura continuerà ad essere utilizzata dopo la pandemia.”

Le piccole etichette K-pop vedranno la luce alla fine del tunnel?

Poiché il virus infuria ancora in gran parte del mondo e l’allontanamento sociale è la nuova normalità, alcune società di gestione del K-pop sono state spinte sull’orlo della bancarotta. Secondo i dati raccolti dall’associazione LIAK, più di 539 spettacoli/eventi/concerti in Corea sono stati ritardati a tempo indeterminato o cancellati tra febbraio e luglio. Il danno finanziario totale è stato stimato in oltre 121 miliardi di won.

Per aiutare queste aziende, ha detto Yoon, il governo dovrebbe concentrarsi maggiormente sul supporto della loro produzione di album. “Per le agenzie e i cantanti, il governo ha bisogno di una politica che li supporti per continuare a produrre album. Le aziende hanno anche bisogno di assistenza per l’affitto degli articoli di cui potrebbero aver bisogno per lavorare.”



5 cuori per questo articolo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.