Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

Continua la burrascosa vicenda legale fra Kim Hyun Joong e la "Signorina Choi"

Continua la burrascosa vicenda legale fra Kim Hyun Joong e la “Signorina Choi”

| On 01, Ago 2015

Pare proprio che le vicende legali che coinvolgono Kim Hyun Joong e la Signoria Choi siano destinate a proseguire nel tempo senza un finale.

Se da un lato infatti i legali del cantante smentivano e cercavano di smontare tutte le accuse a suo carico dall’altra la Signorina Choi continua a puntare il dito contro l’ex fidanzato. I legali di Hyun Joong hanno infatti caldeggiato il fatto che la signorina lo avesse ricattato, allo scopo di estorcergli circa 600 milioni di won (valuta coreana), intimandogli di raccontare ai media delle sue violenze fisiche che l’avevano portata addirittura a questo presunto aborto; ma, ovviamente, i legali della ragazza hanno smontato la linea difensiva della controparte.

Nonostante la burrascosa vicenda la signorina Choi ha rotto il suo rigoroso silenzio, durato mesi, è si è esposta in una lettera in cui ha precisato le motivazioni che l’hanno spinta a parlare; la donna scrive: “Me ne sono stata in silenzio da quanto ho sporto la denuncia. Questa volta però romperò il mio silenzio ma senza fornirvi qualche chiarificazione oppure qualche spiegazione particolare. Ho sempre pensato che la verità sarebbe venuta a galla grazie alla corte ed invece il mio silenzio non ha fatto altro che intensificare l’operato di Lee Jae Man (l’avvocato di Kim Hyun Joong) che mi ha ripetutamente attaccata. Senza nessuna precisa prova oppure una concreta evidenza ha fatto di me una criminale nazionale.”

La donna ha poi aggiunto: Ad un certo punto ho anche pensato che questo sia il pezzo da pagare per tutte le cose fatte in passato. Il fatto che io abbia cominciato ad uscire con Kim Hyun Joong, abbia intrecciato una relazione amorosa con lui, lo abbia cominciato ad amare, che lui mi abbia picchiata, il mio successivo perdono e il fatto che io sia rimasta incinta sono tutte cose avvenuto in seguite a scelte che ho fatto in prima persona, per cui ho cercato di superare tutto e di sopportare il dolore. La cosa buffa sta nel fatto che, questo mio silenzio, è stato giudicato come una sorta di “chi acconsente tace”, me ne sono accorta quando il legate Lee Jae Man ha addotto questa scusa per dichiararmi bugiarda. Attualmente, a causa di tutto questo stress, temo di dare alla luce prematuramente il bimbo che sto aspettando, credo proprio che non sopporterò a lungo questa storia. Questo mi spingerebbe a raccontare la verità e, nel caso avessi sbagliato  qualcosa, sono pronta ad chiedervi perdono.”

La signorina Choi, per difendersi dalle accuse di calunnia, ha poi puntualizzato delle parti della vicenda:

1)“L’avvocato Lee Jae Man ritiene che io abbia macchinato tutta la storia dell’assalto fra il 30 maggio del 2014 (considerate che sono stata due settimane in ospedale per riprendermi totalmente) e il 22 giugno.” 

La donna ha spiegato che il 20 agosto dell’anno scorso ha denunciato il cantante per 4 episodi di violenza; ha inoltre raccontato che, nonostante lo abbia denunciato leggermente più tardi rispetto agli assalti, la corte aveva cominciato l’iter di legale per non lasciare impunite le violenze subite sulla  della giovane. L’attore, poi, doveva presentarsi dinnanzi alla corte per evitare di essere dichiarato colpevole di un reato grave e doveva inoltre spiegare del perchè la ragazza in realtà non volesse che venisse punito.

Così, per una forma di risarcimento per danni morali e fisici, i legali del cantante gli avevano consigliato di offrire una somma di 600 milioni di won alla donna. La signorina Choi ha raccontato che questa somma di denaro gli era stata concessa in seguito ai torti subiti ma, la controparte, ha invece affermato che questa somma di denaro in realtà gli è stata concessa per mettere a tacere le voci  sul fidanzato  che avrebbe diffuso ai media,  e quindi per stoppare i suoi ricatti.

Ha inoltre smentito il fatto che entro i suoi document,i portati alla corte, si parlasse di gravidanza oppure di aborto e che in realtà era lo stesso Hyun Joong a chiedergli di non farne parole con la sua agenzia (Key East), con il suo avvocato ne tanto meno sui documenti destinati alla corte.

La donna, caldeggiando questo particolare, ha incluso i messaggi di testo con Hyun Joong in cui il ragazzo che scriverebbe “Questo non deve assolutamente essere inserito nei tuoi documenti per la corte.”, “Ti farai del male anche tu”. Ha inoltre incluso i messaggi in cui viene chiarito il fatto che il cantante ammette di aver maltrattato fisicamente la ragazza e che oltretutto gli chiede di mostrarsi poco convinta di punirlo difronte alla corte. 

2) “L’avvocato Lee Jae Man ritiene che io non sia mai stata incinta nel maggio del 2014 e che quindi non si è verificato nemmeno un aborto. L’avvocato pensa che, il fatto che io non abbia avuto il ciclo per quattro mesi, non sia una prova sufficiente per confermare la mia passata gravidanza.”

La donna ha poi raccontato che le sue mestruazioni sono molto precise e che proprio in quel periodo aveva notato un ritardo anomalo. Questo l’aveva così indotta a fare dei test di gravidanza, con risultato positivo, fra il 14 e il 15 maggio 2014 addirittura assieme all’ex fidanzato in una delle due occasioni. Il ragazzo le aveva poi consigliato di andare all’ospedale per una visita specifica ma era decisamente troppo presto per un’ecografia. Nonostante la notizia della gravidanza la giovane aveva scoperto il tradimento del cantante con la celebrità segnalata come “L” ed il che l’aveva spinta a rompere la relazione.

Durante quell’occasione (il 30 maggio 2014) il ragazzo l’avrebbe assalita  in una mezz’oretta, smentendo così brutalmente le accuse di tradimento. La signorina Choi  ha infatti dichiarato che i colpi subiti al ventre avessero reso possibile l’aborto forzato; la ragazza si era poi accorta di aver perso il bambino tramite delle perdite ematiche e aveva scritto al cantante dicendogli:” A causa delle tue ripetute percosse al ventre credo di aver abortito.”

Aveva poi visitato nuovamente l’ospedale due settimane dopo (il 13 giugno) dove i medici le avevano detto che il suo endometrio, ormai, aveva cominciato nuovamente ad inspessirsi e che quindi il ciclo le sarebbe tornato regolarmente.

In fine, per dimostrare la gravidanza, ha mostrato dei messaggi con una delle sue amiche in cui si parla per l’appunto del test di gravidanza positivo e del bambino.

3) “L’avvocato Lee Jae Man dice tuttavia che non si era mai parlato di gravidanze e aborti precedentemente e che soltanto la mia attuale gravidanza può essere considerata reale. Ovviamente l’unico modo per confutare tutto, dalla loro parte, sarà fare un test del DNA.”

La donna ha infatti raccontato che, dopo aver perso il bambino, era rimasta nuovamente incinta nel luglio del 2014. Sono stati svelati anche dei fantomatici messaggi in cui Hyun Joong dice alla ragazza che il suo nuovo sospetto è troppo prematuro vista la data (29 giugno) e confermando una sua dimestichezza con il fatto che un’ecografia dal ginecologo non può essere fatta troppo presto. La donna aveva dunque aspettato il tempo opportuno e dopo la sua prima ecografia aveva scoperto di essere incinta ed era anche riuscita a vedere il feto; questa notizia sarebbe dunque stata riportata alla corte ma probabilmente in cattiva fede il legale del cantante ha scartato la notizia a proprio piacimento.

A questo punto aveva svelato alla corte di aver già perso un bambino a causa delle violenze subite da parte del ragazzo che non desiderava diventare padre ed usando i messaggi come prova schiacciante dell’aborto provocato. Ha inoltre raccontato cosa è successo dopo aver abortito:

“Kim Hyun Joong mi disse addirittura che mi avrebbe portata a Jeju dopo il raschiamento. Gli raccontai anche del mio disagio dopo l’aborto e lui mi chiese se poteva parlarne al telefono con il ginecologo. La cosa importante è però che 3 giorni dopo, il 10 luglio, Hyun Joong mi ha invece assalita di nuovo. Kim Hyun Joong ha poi cominciato una nuova relazione clandestina con la celebrità “J” e, volendogli fare una visita a casa insieme ad una mia amica, l’ho scoperto nudo a letto con questa donna. A quel punto, davanti a queste persone, sono stata nuovamente aggredita. Ho proprio intenzione di chiamare come testimone questa celebrità.”

4) “Il legale Lee Jae Man mi anche detto che non ho mostrato alcuna evidenza concreta del bambino a gennaio di quest’anno e che addirittura non ho permesso a nessuno di entrare nella sala dove si svolge l’ecografia.” 

La signorina Choi ha dichiarato invece che questa è una motivazione assurda dal momento che un’ultrasuoni richiede la nudità parziale del paziente.  Ha raccontato che per lei è imbarazzante anche in presenza del suo stesso padre per cui non lascerebbe mai che i parenti di Hyun Joong assistano nella stanza. Ha poi rivelato che una volta ha invitato Hyun Joong ad entrare con lei ma la madre di lui gli avrebbe bloccato la conversazione; sarebbe questa dunque la motivazione che si cela dietro alla riservatezza della ragazza nella sala dell’esame.

inoltre  ha spiegato che la struttura e il dottore erano stati scelti dalla famiglia stessa del cantante e che l’ecografia gli era stata mostrata a tempo debito per tenerli informati sull’eccellente stato di salute del bambino, per cui non riesce a spiegarsi del perchè possano dire che la gravidanza non sia vera.

Ha anche puntato il dito contro un’accusa fattagli dall’avvocato della controparte in cui gli veniva detto che la sua gravidanza era fasulla dal momento che si era presa il lusso di guidare una bicicletta e che addirittura la foto era girata in alcune conversazioni con dei suoi amici. La ragazza ha poi cercato di smentire questa voce dicendo che la foto era stata scattata in precedenza e che inoltre è assurdo continuare a dirle che l’attuale gravidanza sia finta.

Kim-Hyun-Joong_1438239964_choi Kim-Hyun-Joong_1438239965_choi1 Kim-Hyun-Joong_1438239966_choi2

Per maggiori informazioni restate sintonizzati su CiaoKpop, ma per ora gettiamo un velo di sconcerto su questa vicenda.

6 cuori per questo articolo

Lascia un commento

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.