Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

La JYP dalla parte di Lia delle ITZY dopo la prima assoluzione degli haters

La JYP dalla parte di Lia delle ITZY dopo la prima assoluzione degli haters

| On 15, Giu 2021

JYP Entertainment ha pubblicato una dichiarazione ufficiale sulle accuse di bullismo contro Lia delle Itzy, dopo averle negate inizialmente a febbraio.

La JYPE, dopo la prima negazione, ha intrapreso un’azione legale contro gli accusatori per diffamazione e la diffusione di false voci: la presunta vittima di bullismo è stata assolta dalle accuse di diffamazione il 13 giugno ma l’agenzia ha dichiarato che non accetteranno questo risultato e chiederanno una nuova indagine.

Il 15 giugno, la JYP Entertainment ha rilasciato la seguente dichiarazione in merito: “Vorremmo informarvi su quanto riguarda le presunte accuse di Lia delle ITZY. Le prime accuse riguardanti A, non erano contro A come vittima di violenza scolastica, ma contro i post e i commenti che sono stati giudicati dannosi, inclusi i post di A.
1. Gli articoli citati sono stati pubblicati su siti di comunità Internet per oltre 2 anni dal 2018 e non siamo riusciti a capire chi fosse il primo ad aver pubblicato. Le maldicenze non riguardavano bullismo scolastico.
La società opera con un sistema che intraprende regolarmente azioni legali contro i post dannosi sulla base delle segnalazioni dei fan e del monitoraggio dei post. Durante questo processo, anche gli articoli sono stati oggetto di azioni legali nel dicembre del 2020.
2. Durante l’indagine della polizia, è stato scoperto che 4 dei 5 post precedenti erano stati scritti dalla stessa persona con nickname diversi e l’altro, 1 post, era stato scritto da un’altra persona.
Tuttavia, mentre la polizia stava indagando sul caso nel febbraio di quest’anno, un altro post della comunità Internet è stato pubblicato dalla persona ritenuta l’autore del post di cui sopra, affermando di essere indagato dalla polizia. L’autore e i suoi conoscenti si sono lamentati di essere stati vittime di bullismo a scuola, ma presto una persona che era presumibilmente un conoscente ha pubblicato un articolo sulla stessa comunità di Internet che non considerava l’incidente come violenza scolastica e pensava che non fosse un grosso problema. La persona che ha pubblicato l’articolo originale ha anche pubblicato ed eliminato ripetutamente l’articolo.
3. Dopo che il rappresentante legale ha presentato la denuncia e ha intrapreso un’azione legale per conto di Lia, la polizia ha sporto denuncia contro i due manifesti. Tuttavia, attraverso un’intervista con i media, la polizia ha fatto cadere le accuse contro gli utenti, affermando che non ci sono prove per dimostrare che il contenuto è falso né ci sono prove per dimostrare che il contenuto è vero. In altre parole, la caduta delle accuse non significa che Lia ammetta la violenza scolastica. Pertanto, l’artista e la compagnia intendono sporgere opposizione alla polizia e chiedere una nuova inchiesta per diffamazione. Sia l’artista che l’azienda vogliono che la verità venga svelata attraverso un’indagine più approfondita.
Questo perché crediamo che non dovrebbero esserci vittime che sono state trattate ingiustamente, ma allo stesso tempo non dovrebbero esserci vittime di informazioni false o distorte”.

1 cuore per questo articolo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.