Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

L'attore Ji Soo citato in giudizio per 2.5 milioni di euro da "River Where the Moon Rises"

L’attore Ji Soo citato in giudizio per 2.5 milioni di euro da “River Where the Moon Rises”

| On 02, Apr 2021

La società di produzione del drama “River Where the Moon Rises”, la Victory Contents, fa avviato una causa nei confronti dell’attore Ji Soo e la sua agenzia, la KeyEast, per ₩ 3 miliardi di won (circa 2,5 milioni di euro) per i danni che il suo scandalo di bullismo hanno provocato al drama, alla produzione e a tutto lo staff.

Ji Soo interpretava il protagonista maschile del drama, ma ha lasciato la serie al sesto episodio (dopo averne girati in realtà quasi 18) all’inizio di marzo in seguito alle scuse per atti di bullismo fatti durante le scuole medie. Quasi l’intero drama era stato ripreso quando Na In Woo ha sostituito Ji Soo.

“Come molti di voi sanno, questo problema è legato alla controversia sulla violenza scolastica dell’attore di KeyEast, Ji Soo. KeyEast e Ji Soo hanno firmato un contratto con noi per apparire in River Where The Moon Rises e il drama ha ricevuto molto amore dagli spettatori da quando è iniziato in onda il 15 febbraio 2021. Tuttavia, nel marzo 2021, sono iniziate ad emergere rapporti su un Ji Soo violento a scuola. Non si limitava solo a litigare tra studenti, ma anche estorsioni, test per procura, crimini sessuali, un livello di cose così terribili che sono difficili da ripetere. Ji Soo e KeyEast hanno riconosciuto i suoi misfatti e hanno deciso di abbandonare River Where The Moon Rises.” spiega la casa di produzione.

“River Where The Moon Rises era in fase di pre-produzione e quando è emersa la controversia sulla violenza scolastica, le riprese del drama erano quasi terminate. Tuttavia, quando l’attore è stato sostituito, abbiamo dovuto filmare nuovamente tutte le scene di Ji Soo. Il costo di produzione di questo drama era enorme e la quantità di costi aggiuntivi che abbiamo dovuto sostenere è stata aggravata da questa situazione, ma abbiamo deciso di riprendere e rifare gli episodi 1-6 per mantenere la nostra promessa agli spettatori di mostrerebbe loro un lavoro completo e finito. Questa promessa non è solo per i telespettatori domestici, ma anche per i telespettatori globali, poiché il boom di Hallyu Wave non può essere rovinato da un autore di violenza scolastica.”

“Tuttavia, abbiamo subito danni diretti a causa di ciò, dai costi del personale, dalle tariffe per l’ubicazione e per le attrezzature, le spese di apparizione, le spese per l’arte e molti altri. Abbiamo anche subito altri gravi danni che potrebbero influenzare gli Stati Uniti per molto tempo, come un calo delle valutazioni degli spettatori, reclami da parte di distributori esteri, un calo delle vendite e danni all’immagine dell’azienda. Al fine di recuperare questi danni il prima possibile e di concentrarci sulla produzione di buoni drammi, abbiamo cercato di negoziare un risarcimento con KeyEast, ma non abbiamo avuto successo a causa della mancata collaborazione dell’agenzia. Vorremmo concludere questa causa e ricevere un risarcimento il prima possibile e continueremo a fare grandi sforzi per garantire che le emittenti e gli spettatori di tutto il mondo possano continuare a godersi la visione di programmi sani e salutari.”

L’etichetta di Ji Soo, la KeyEast, ha risposto alla causa legale della società di produzione: “Dopo la controversia sulla violenza scolastica scoppiata con l’attore Ji Soo, abbiamo discusso a stretto contatto con la società di produzione Victory Contents e la rete di trasmissione KBS. Anche Ji Soo si è scusato il prima possibile. Questo proprio per evitare ulteriori danni al drama, anche quando nessun dettaglio era stato confermato. Comprendiamo con le difficoltà incontrate dalla società di produzione e dallo staff a causa della necessità improvvisa di sostituire un attore, e abbiamo messo in chiaro che noi siamo responsabili solo per il costo ragionevole di riprese aggiuntive per sostituire l’attore.” L’etichetta ha continuato chiedendo una soluzione dei costi poiché le due parti non sono state in grado di raggiungere un accordo e Victory Contents ha affermato che ci sarebbe voluto più di un mese per la soluzione finale.

1 cuore per questo articolo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.