Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

I video K-pop bannati per i motivi più assurdi

I video K-pop bannati per i motivi più assurdi

| On 14, Feb 2020

Il ban di un brano K-pop in Corea del Sud può giungere nei momenti più impensabili e di esempi ce ne sono molti: difficile dimenticare che ‘Under My Skin’ dell’iconica ‘Mirotic’ dei TVXQ sia stata giudicata una volgarità da tramutare in ‘Under My Sky’ per non confondere il pubblico; così come la frase ‘I’m going banana’ della canzone ‘Banana’ di G.Na (che, in realtà, è un modo di dire statunitense che vuol dire ‘sto impazzendo’) è stato considerato un riferimento sessuale e bannato dalla performance in qualsiasi emittente televisiva. Quali sono stati i ban più assurdi dei video musicali K-pop in Corea del Sud?

‘Dope’ dei BTS
Il ban è giunto per un testo definito ‘volgare’. Il ban è arrivato in un secondo momento ed è riferito alla frase canta da J.Hope ‘Tutti i piagnucoloni idioti’.

‘Kill This Love’ delle BLACKPINK
Il ban, stavolta, è per la scena di Rosé in cui la ragazza sembra guidare un’autovettura senza la cintura di sicurezza.

‘Island’ dei WINNER
Ban per scene omosessuali, il teso riprende un linguaggio sui rapporti sessuai tra uomini e donne o omosessuali e la frase è ‘Proprio come un cocktail, scuotilo, voglio mischiarmi con te sul divano’.

‘Catallena’ delle Orange Caramel
‘Catallena’ è un termine usato per una donna molto particolare, labile e vanitosa e l’MV rispecchia al pieno il testo con il gruppo in vesti di economico sushi, circondato da sushi costoso e arrogante: sembra quasi uno spaccato della società in cui, a volte, più ti vendi, più ti considerano anche se, in realtà, non hai più valore di altri. Per la KBS, però, le Orange Carame in confezioni di plastica con i prezzi sopra sono una svalutazione e disprezzo della vita umana.

‘Cherry Bomb’ degli NCT 127
Testo violento. L’SM ha richiesto una rivalutazione della decisione e, grazie a questo, gli NCT 127 rientrano tra i pochi gruppi che hanno ricevuto consecutivamente due ban!

‘Chitty Chitty Bang Bang’ di Lee Hyori
Una delle canzoni simboli della regina del pop coreano è stato ban per aver infranto il codice stradale guidando senza cintura e per aver ballato sulla cima di un autobus e in mezzo alla strada.

‘4:44’ di Park Bom
Ban perché l’idol nel video cammina in mezzo alla strada dentro un tunnel.

‘FXXK IT’ dei BIBANG
Ancora una volta ban per un testo inappropriato, volgare, incluso lo slang.

‘BEEP’ di Park Jiyoon
Ban perché i titoli di coda finali all’MV, i ringraziamenti in pratica, era un po’ troppo lunghi: iniziano al minuto 3.06 e si concludono a 4.08 (la fine del video).

DDD’ delle EXID
‘Vibrato’ delle STELLAR
‘ABRACADABRA’ delle Brown Eyed Girls
‘One More’ delle FIESTAR
Anche i gruppi femminili possono ricevere un ban per maledizioni, termini denigratori e linguaggio indecente e le EXID sono tra questi gruppi, seguiti dalle STELLAR, Brown Eyed Girls e dalle FIESTAR che in ‘One More’ sembrano parlare di un’orgia.

‘So Cool’ delle SISTAR
‘Marionette’ delle STELLAR
‘Never Ever’ di Ji yeon (T-ara)
‘Paradise Lost’ di Gain
‘Miniskirt’ delle AOA
‘UP&DOWN’ delle EXID
‘Full Moon’ di Sunmi
‘Mirror Mirror’ delle 4minute
‘Roll Deep’ di Hyuna
‘BBB’ delle Dal Shabet
Spesso parliamo di canzoni simboli del gruppo con coreografie che sono passate alla storia, è stata spesso oggetto di ban proprio il movimento pelvico: che sia la mano delle SISTAR intorno al sedere, quasi a disegnarlo o l’ondeggiare delle EXID, AOA o Jiyeon, tutto è troppo per alcune emittenti TV. ‘Full Moon’, ‘Roll Deep’ e ‘Mirror Mirror’ sono bannate perché si aprono le gambe mentre ‘BBB’ è la prova che anche muovere troppo il petto può portare al ban!

‘Joker’ delle DALSHABET
Il ban qui è quasi ironico: ‘Jocker’ a livello internazionale è il noto nemico di batman ma, in coreano, è molto simile a una parole volgare per descrivere gli organi genitali maschili e questo, unito a una coreografia sensuale, ha convinto molti al ban.

‘Voodoo Doll’ dei VIXX
La scena della coreografia dove si simula un accoltellamento è stato giudicato un po’ troppo per i giovani spettatori e l’agenzia dei VIXX ha dovuto cambiarlo per aggirare il ban.

‘Gentleman’ di PSY
Ban perché mostra scene in cui si distrugge la proprietà pubblica: la scena in cui PSY tira un calcio a un cono del traffico.

‘Something’ delle Girl’s Day
Ban perché la coreografia è troppo sensuale, soprattutto la parte in cui sono stese a terra.

‘How Dare You’ delle SISTAR
Rieve il ban perché mostra movimenti di pole dance..

‘UH-EE’ delle Crayon Pop
Bannata perché all’interno vi era una parola giapponese. Tutt’ora molte emittenti hanno il ban all’uso del giapponese durante le trasmissioni.

‘Love Don’t Hurt’ di Shannon
Ban per immagini di nudità, tatuaggi in bella mostra e scene di fumo!

‘Oh Nana’ dei KARD
‘Instagram’ di DEAN
Parlare di Instagram può costare caro e ai KARD e DEAN è costato un ban!

Ricordate qualche altro ban assurdo nel K-pop?

19 cuori per questo articolo

Lascia un commento

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.