Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

Le peggiori compagnie Kpop: il caso MLD Entertainment

Le peggiori compagnie Kpop: il caso MLD Entertainment

| On 25, Set 2021

Quali sono le peggiori compagnie di intrattenimento del K-pop? Che cosa si intende per ‘peggiori’? E c’è davvero qualcuno che si salva?

E’ difficile parlare in modo oggetto di migliore e peggiore, ma questa serie di articoli sulle varie compagnie d’intrattenimento coreane vogliono mostrare il lato più brutto dietro i magnifici e brillanti set del Kpop o stage degli idol.

Parleremo di diverse compagnie d’intrattenimento coreane analizzando i loro lati peggiori, alcuni volte in termini di trattamento dei trainee e degli idol, altre volte in presenza di cause legali e controversie, ma anche una pessima gestione degli artisti e del loro lavoro o la mancanza di uguaglianza all’interno di un gruppo.

In questo articolo analizzeremo le criticità della MLD Entertainment.

La MLD Entertainment è un’agenzia fondata nel 2016, sussidiaria della Duble Kick Entertainment, che gestisce MOMOLAND e T1419, che hanno debuttato quest’anno.

L’Agenzia si distingue tra quelle appena trattate per il modo in cui gestisce i suoi artisti: hanno basato la loro fortuna sulle MOMOLAND, trattandole sempre come oggetti, non supportandole o proteggendole davanti a scandali e controversia, limitandosi a spingerle sempre di più a prescindere dalle conseguenze.

Tutto parte con la Duble Kick Entertainment, nata dai produttori dallo stesso nome che si sono fatti un nome producendo successi per MBLAQ, GFriend, SISTAR ecc. Con il reality ‘Finding MOMOLAND’ cercano nel 2016 di creare un nuovo gruppo femminile, sfruttando il successo dei reality show come Produce 101 o SIXTEEN della JYP, eppure con scarso successo e ascolti. Il reality arriva tardi in un mercato già saturo e che aveva perso attrattiva per gli spettatori, sempre più stanchi dei soliti reality di trainee di una stessa agenzia che riempivano la TV dal 2010. A fine 2016 le MOMOLAND debuttano con pessimi risultati: l’agenzia non riuscì neppure a ricoprire le spese per stampare gli album, che furono pubblicati con una raccolta fondi dei fan.

A fine 2017 altri membri vengono aggiunti e il secondo comeback resta comunque nella media, con scarsi risultati. A gennaio 2018 succede l’inaspettato: ‘Boom Boom’ conquista tutto proiettando le MOMOLAND nel successo. Record in patria, successo in Giappone, le MOMOLAND sono inarrestabili con apparizioni TV e la simpatica e buffa JooE pompata in ogni varietà. Con anche tre esibizioni al giorno, le ragazze lavorano l’impossibile con abiti e pantaloncini striminziati che molto spesso mostrano tutto il fondoschiena, soprattutto a Yeowoon. A fine 2018, doppiano il successo con ‘Bam’, una canzone però accusata di essere fin troppo simile a ‘Boom Boom’ e che quindi fu tanto amato quanto criticata.

Le accuse di manipolazione delle vendite sono difficili da superare per le Momoland

Con il successo, arrivano anche molte critiche: ‘Boom Boom’ fu accusata di plagio, mai provato, Nancy fu accusato di avere problemi di disturbi alimentari, JooE era costantemente criticata e offesa per il suo aspetto, accuse di essere maleducate con TWICE, BLACKPINK e BTS sorgono dal nulla, insieme a rumor sull’essere scortesi con fan e staff, Nancy nella specifico era sempre ostile mentre JooE era una bulla a scuola. Il pubblico inizia ad odiarle, insieme agli altri fandom, e il gruppo viene attaccato e molestato in Messico al suo arrivo, il tutto mentre l’agenzia, di fatto, tace.

Le SEREBRO accusano le Momoland di averle copiate

Momoland tornano con “Bboom Bboom” e JooE parla delle critiche al suo aspetto fisico

Nonostante tutto il 2018 è un anno incredibile per le MOMOLAND che la MLD non ha saputo sfruttare. Anzi le ragazze ammisero che anche dopo il successo di Boom Boom e BAAM nel loro dormitorio il dispenser dell’acqua, la TV, il aria condizionata, deumidificatore e lavatrice erano rotti da mesi e mesi ormai; non avevano il cellulare da anni, fino a inizio 2018, quando gli fu restituito con la prima vittoria.

Yeonwoo delle MOMOLAND rivela che non possono spendere più di 8 euro a pasto

Nel 2019 la rapper Daisy viene coinvolta in uno scandalo amoroso con Yunhyeong degli iKON: la MLD confermò la relazione mentre la YG negò tutto con forza creando una situazione molto imbarazzante che molti videro come il tentativo di attirare l’attenzione prima del comeback del gruppo femminile. Sempre in quell’anno Yeowoon ammette candidamente in TV che, nonostante il successo del 2018, il gruppo non ha ricevuto nemmeno un euro.

Cancellata Daisy dai membri delle Momoland: cosa sta succedendo?

Poco dopo Taeha e Daisy vengono meno al comeback e scompariranno per molto tempo. Scopriremo successivamente che le due ragazze sono state costrette alla pausa, hanno avuto diverbi con l’agenzia che ha portato alla fine del loro contratto dopo mesi e mesi di pausa forzata.

Nel 2019 per la prima volta l’agenzia si dice pronta a denunciare chi offendere e utilizza le immagini delle MOMOLAND per fini pornografici. Yeonwoo a fine anno lascia il gruppo per problemi di salute, preferendo l’attività da attrice, senza rescindere dal contratto con l’agenzia. Intenzioni che arrivano lo stesso anno in cui lo stesso fandom delle MOMOLAND sembra intenzionato a bullizzare Nancy (quando canta lei ‘I’m so Hot’ i fan smettono di cantare – qui) e iniziano a girare le sue foto nude (e pure modificate) fatte senza consenso dietro le quinte di una premiazione da un membro dello staff.

Nancy delle MOMOLAND fotografata di nascosto: l’agenzia risponde

Solo a fine 2019 abbiamo la prima dichiarazione della MLD in merito a Taeha e Daisy, dicendo che le MOMOLAND erano formate da 6 membri (escludendole). Il tutto mentre il resto del gruppo fa comeback, con sempre meno attenzione del pubblico.

Daisy è stata sicuramente colei che ha più attaccato e tirato fuori il marcio della società: oltre ad aver affrontato l’agenzia nel periodo di pausa e, secondo sua madre, aver ricevuto già allora minacce di citazione in giudizio dall’agenzia che tentava di zittirla, successivamente ha tirato fuori di tutto. Ha detto che l’agenzia e la Mnet hanno truccato il loro reality show e lei fu esclusa con la promessa di essere aggiunta nel primo comeback. Per il reality e il debutto tutti i membri del gruppo (anche chi è stata aggiunta dopo) hanno dovuto pagare 60.000 euro. Afferma anche che per lasciare l’agenzia, le hanno chiesto una penale di milioni di euro.

Daisy delle Momoland accusa agenzia e Mnet: “Finding Momoland” era truccato

Nel mentre la questione con Daisy va avanti, Yeonwoo fa una dichiarazione shock: fa intendere che non voleva lasciare le Momoland, ma l’agenzia l’ha costretta e anche la notizia dell’uscita del gruppo è stata data senza il suo consenso.

Yeonwoo, ex-Momoland, ‘non ho avuto altra scelta’, cosa è successo davvero con il gruppo?

In questo momento solo Taeha è riuscita a chiudere il contratto con la MLD Ent. mentre Yeonwoo e Daisy restano ancora vincolate all’agenzia e tagliate fuori dai social media. Infatti è ormai certo che a Daidy non è consentito avere social dopo che sua sorella su Tik Tok (pubblicando anche video con la sorella) ha detto che Daisy non può essere molto presente per ‘problemi legali’.

Piccola cosa interessante: Nancy ha parlato di recente di come il loro CEO tratta in modo differente i T1419, portandoli ai ristoranti giapponesi ad esempio, anche se hanno debuttato solo sei mesi fa.

La MLD Entertainment è una società che ha fatto fortuna grazie alle MOMOLAND eppure non riconosce nulla a queste ragazze, anche continua a spremerle senza dare nulla indietro, abbandonandole appena la questione diventa scomoda. Hanno reso evidente che a loro non interessa chi è dentro le MOMOLAND: il gruppo è un marchio e loro vogliono solo farci soldi utilizzando le tecniche che fino a quel momento hanno funzionato. Una gestione pessima dell’artista e della persone hanno creato un deserto intorno all’agenzia in cui chi può cerca di ribellarsi, prima di sentire la propria voce soffocata da minacce e ritorsioni legali.

Cosa ne pensate di questa storia? Dove ha sbagliato questa agenzia?

3 cuori per questo articolo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.