Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

Maydoni parla del suo passato da trainee della JYP e YG

Maydoni parla del suo passato da trainee della JYP e YG

| On 17, Apr 2019

Maydoni -cantante e attrice- ha parlato dei suoi anni da trinee, una nuova esperienza che mette in luce cose già note ma anche novità della dura strada per diventare un idol. E’ stata selezionata da Park Jin Young in un’audizione nel 2001 all’età di 11 anni, diventando una trainee ufficiale della JYP. Dopo è passata alla YG e ha trascorso un totale di 8 anni come trainee.

“Ho frequentato la scuola fino a pranzo e poi andavo direttamente in agenzia per esercitarmi, ho imparato a ballare e cantare, ho studiato lingue straniere, mi sono esercitata e ho mangiato in agenzia, andavo a casa solo per dormire […] La gestione del peso era fondamentale. Il problema era che dovevamo pesare meno del normale. Prima del debutto, mi è stato detto di mantenere il mio peso intorno ai 38 kg. Avevo spesso molta fame, quindi è stato molto stressante.” spiega Maydoni. Ogni possibilità di contatto con il sesso opposto era controllato ed evitato: “Ho scambiato una volta i numeri di telefono con i Big Bang, ma il manager è venuto e li ho cancellati […] Sono andata in un programma una volta e non ho potuto nemmeno condividere un taxi con un trainee di sesso maschile.”

Il mondo dei trainee, come sappiamo, è un mondo di confronto e sfida: il trainee non è amico ma, spesso, è il nemico che potrebbe rubarti il posto nel gruppo che debutterà: “Lo staff dell’agenzia ha sempre amplificato il confronto tra i trainee anche per l’aspetto, i trainee non sono amici, siamo diventati nemici, ma penso che sia così che l’agenzia crei buoni artisti”. dice Maydoni mentre consiglia di non diventare trainee, una vita di troppe privazioni per un risultato poco certo.

“La cosa più difficile era la preoccupazione per il futuro” ha detto “ci sono solo poche centinaia di idol che fanno il loro debutto in un anno, ma non essere più trainee vuol dire non avere nemmeno quella piccola possibilità. È stato il modo per me di sfidare il mio limite sia mentale che fisico.”

Il discorso introdotto da Maydoni tocca un problema ancora complicato in Corea del sud: il Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo l’anno scorso ha promulgato un accordo stabilendo degli standard per il lavoro giovanile in questo settore. L’accordo allegato stabilisce che le agenzie dovrebbero sforzarsi di garantire diritti basilari quali libertà di scelta, diritti di apprendimento, diritti morali e la possibilità di riposarsi ai propri trainee. Inoltre, gli studenti dovrebbero essere allenarsi meno di 35 ore a settimana (per minori di 15 anni) o 40 ore a settimana (dai 15 anni in su), in pratica dalle 6 alle 7 ore al giorno, quando sappiamo che gli allenamenti spesso sono il doppio di questo tempo ogni giorno. Purtroppo, pero, le agenzie non hanno alcun obbligo o obbligo a sottoscrivere un contratto standard, quindi queste indicazioni sono ancora ben lontane dal diventare realtà.

12 cuori per questo articolo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.