Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

K-pop idol che odiano le proprie canzoni (Parte 2)

K-pop idol che odiano le proprie canzoni (Parte 2)

| On 09, Apr 2020

Continuiamo il lista degli artisti K-pop che hanno espresso un certo malessere a cantare le proprie canzoni o i brani del proprio gruppo: sappiamo già che i gruppi K-pop cantano canzoni scritte e prodotte da altri, con concept decisi da altri e quindi non è una rarità trovare un brano che proprio non piace.

Riprendete la prima parte, nel caso vi fosse sfuggita, premendo QUI e godetevi gli ultimi nomi:

8) Suga dei BTS – Blood Sweat & Tears
Anche qui non possiamo parlare di odio: Suga in un’intervista ha detto che non gli piaceva il titolo ‘Blood Sweat & Tears’ perché pensava che fosse troppo sporco e per nulla efficace. In realtà, invece, ha funzionato benissimo!

9) Stellar – Fool
Le Stellar hanno cercato di convincere l’agenzia a non farle tornare con ‘Fool’, una canzone il cui taglio non si avvicinava alla loro immagine, divenuta da poco molto popolare grazie a un concept molto sensuale. L’agenzia, però, ha insistito ed è stato un gran flop, tanto che il gruppo poi è subito tornato a un concept sexy con il comeback successivo.

10) GOT7 – Stop Stop It
Il gruppo vorrebbe cancellare questo comeback dalle loro teste per un solo motivo: il loro aspetto. Hanno odiato tutto di questa era, abiti, vestiti, accessori, e ogni volta che qualche fan dice loro di averli iniziati a seguire da ‘Stop Stop It’ rispondo che devono amarli davvero tanto per esserci riusciti. Coloro che hanno più odiato il comeback sono stati Jackson e Bambam per il taglio dei capelli: Bambam ha detto che ha pianto quando si è visto allo specchio ed era così arrabbiato e nervoso che gli è uscito il sangue dal naso.

11) TEEN TOP – No More Perfume On You
La canzone parla di un ragazzo che chiede alla sua Noona di non spruzzarsi il profumo altrimenti la sua ragazza lo scoprirà. La canzone, di fatto, parla di un tradimento e a farlo sono dei ragazzini che all’epoca avevano mediamente 17 anni. Il brano fu criticatissimo e lo stesso gruppo non ha un bel ricordo di quel comeback.



12) Yuta degli NCT127 – Fire Truck
Quando gli NCT127 hanno rilasciato ‘Limitless’, Yuta ha detto, molto semplicemente: ‘La canzone sarà buona questa volta’. Leggerissimo e sottilissimo riferimento alla precedente canzone pubblicata dal gruppo che era, appunto, ‘Fire Truck’. Non è la prima volta che Yuta ci dona qualche bella perla: durante il primo mini-album degli NCT, quando l’MC gli ha detto che non sembrava molto interessato, ha risposto: “E’ perché non ho nessuna parte (nelle canzoni)”.

13) Block B – Freeze
I Block B non hanno mai nascosto l’odio provato per la loro canzone di debutto ‘Freeze’. L’odio va dalla canzone fino al video musicale e tutt’ora fingono che quel periodo in realtà non esista.

14) Ju-ne dei BLOCK B – BLING BLING
Al talk show life Bar, Ju-ne ha spiegato che a un certo punto della sua carriera ha iniziato a odiare l’hip-hop e a preferire la musica rock e questo odio ha un momento preciso: il rilascio della canzone ‘BLING BLING’. Non gli piace il mezzo molto rap e hip-hop e preferisce altri generi per il gruppo come ‘Love Scenario’.

15) Kevin degli U-Kiss – Don’t Flirt
Kevin, ex membro degli U-Kiss, ha pubblicamente scritto di non apprezzare il concept che è stato costretto a mostrare nel comeback ‘Don’t Flirt’. Ha scritto che purtroppo spesso non ha piena libertà di decidere cosa e come farlo e proprio in questo caso ha dovuto affrontare un conflitto interiore tra quelli che erano i suoi valori e l’essere parte di un’azienda che prende delle decisioni. Ha continuato dicendo che non condivide l’immagine promossa dal video musicale e l’atteggiamento che hanno dovuto mostrare, mentre chiedeva scusa ai fan e spettatori che potrebbero essersi offesi per il materiale contenuto nell’MV e la coreografia.

16) f(x) – Chu
Nulla di confermato, eppure qualche indizio le f(x) lo hanno dato. ‘Chu’, title-track del 2009 tratto dal loro primo single-album, fu la conferma del debutto di successo con ‘La Cha Ta’. Mentre ‘La Ta Cha’ si era fermato alla quinta posizione in digitale della Gaon, ‘Chu-‘ arrivò terza e spianò la strada all’enorme successo di ‘Nu ABO’. Mentre quasi tutte le title-track sono state cantante al primo concerto delle f(x), tra le quasi 40 canzoni, però, non c’è ‘Chu-‘. Nelle undici tappe del concerto, otto in Giappone, ‘Chu’ è stata l’unica title-track a non essere mai cantata.

13 cuori per questo articolo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.