Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

3 commenti

Idols al debutto: giovani o troppo giovani?

Idols al debutto: giovani o troppo giovani?

| On 09, Ott 2016

Il possesso di una giovane età al debutto è uno dei fattori chiave per il successo di un idol. Questo ormai è certo. La maggior parte dei gruppi che entrano in questa realtà, ha infatti un’età media che oscilla tra i 19 e i 21 anni.

Un’età socialmente accettabile dunque, se non prevedesse numerose eccezioni, che spesso prendono la forma del maknae, termine creato appositamente per definire il più piccolo del gruppo. Ed ecco che cominciano a spuntare come funghi quindicenni e quattordicenni, per non parlare di chi ha addirittura solo dodici anni! Riuscireste mai ad immaginare la vostra sorellina o fratellino, ancora alle scuole medie, cantare con disinvoltura in televisione o girare video con coreografie ammiccanti? Eppure non bisogna stupirsi troppo, si tratta infatti di una vera e propria prassi.

Vediamone i casi più eclatanti:

BoA

boa_white

Cominciamo da BoA, un’artista completa e piena di talento, che ha debuttato nel 2000 a soli 13 anni! La sua fama ha ormai superato i confini nazionali, arrivando addirittura negli USA! In Corea, diventata un’apprezzata produttrice musicale, si è data, tra le altre cose, persino alla recitazione.

Taemin (SHINee)

taemin_young

Si tratta del maknae degli SHINee, che ha debuttato nel 2008 insieme al suo gruppo, alla giovane età di 14 anni. Non si può certo negare l’incredibile trasformazione di Taemin, che è passato dall’essere un ragazzino timido dal sorriso ingenuo, alla superstar la cui musica è prodotta da artisti del calibro di Bruno Mars!

Krystal (f(x))

krystal_fx

Crescendo a fianco di una sorella abituata a stare sul palcoscenico, probabilmente Krystal ha sempre avuto fretta di debuttare. Il suo desiderio si è realizzato nel 2009, poche settimane prima del suo 15esimo compleanno, con la pubblicazione di “La Cha Ta”, primo singolo digitale del suo gruppo, le f(x). Ora Krystal è una idol affermata anche in altri campi, come quello della moda e della recitazione.

Jisung (nct)

jisung_nctdream

Si tratta di un idol classe 2002, che da quest’anno si esibisce con la neo sub-unit degli nct, dal nome “nct dream”, un gruppo che colpisce per l’età media, che si aggira intorno ai 16 anni. Il giovanissimo Jisung ha debuttato addossandosi da subito un ruolo di rilievo all’interno della unit, quello di main dancer (primo ballerino).

GP Basic

gpbasic

Questa volta parliamo di un intero gruppo, le GP Basic, anno di debutto 2010, età media… 13,5 anni! Eh si, la più piccola era un’adorabile bambolina di soli 11 anni! Il debutto del gruppo ha causato non poco scalpore e non poche critiche, alla maknae fu addirittura proibito esibirsi in diversi show televisivi, data la giovanissima età. I netizens, i fan e i media diedero voce alle loro preoccupazioni, riguardanti per lo più la giovanissima Janey:

Dovrebbe andare alle elementari, non vestirsi con abiti non appropriati alla sua età e ballare su un palco

I suoi genitori dovrebbero essere più responsabili, sta perdendo la sua innocenza!

Girl Story

girlstory

E se pensate che le GP Basic detengano il record di gioventù… vi sbagliate di grosso! Il primato lo vincono le Girl Story, con una clamorosa età media di 9.75 anni! Al debutto, sempre nel 2010, le più piccole avevano solo 9 anni, mentre la maggiore poteva vantarne addirittura… undici!

Si tratta quindi di un problema?

Una volta superata la sensazione di sgomento nello scoprire che bambini e bambine con all’incirca la metà dei nostri anni hanno una carriera musicale già avviata, bisogna analizzare l’altro lato della medaglia, ovvero le problematiche che un debutto in così giovane età può portare.

Far parte dell’industria del Kpop richiede una grande maturità, che fatica a mostrarsi in ragazzi che frequentano l’università o che si affacciano al mondo del lavoro, figuriamoci in giovanissimi che vanno (o dovrebbero andare) ancora al liceo o alle medie…

La maggior parte dei ragazzi che sognano di far parte di questo mondo, deve lasciare la propria casa da giovane, per diventare trainee (allievo) di una grande casa di produzione, a volte senza far ritorno per diversi anni! E dopo il debutto la situazione sicuramente non migliora, anzi, l’idol entra nella giostra delle promozioni e dei comeback nazionali e non, dei concerti e delle riprese dei nuovi video, delle interviste e dei servizi fotografici. A questo punto diventa un successo riuscire a dormire più di un paio d’ore per volta, per non parlare dell’annullamento della privacy con annesse ore di pedinamento da parte delle fan più sfegatate.

Che effetto può avere una vita così fuori dagli schemi sulla mente ancora giovane di questi ragazzi? La loro personalità inevitabilmente sarà differente da quella che si svilupperebbe in una vita normale.

Che la vita dell’idol non sia tutte rose e fiori è notorio. Ma con così tanti teenagers che si allenano notte e giorno al fine di debuttare in un’industria così competitiva, è difficile ignorare il fatto che la maggior parte di loro mette in secondo piano la classica vita scolastica in cambio di un’opportunità di fama.

Ma non solo! I fan di questo genere musicale non sono certo conosciuti per la loro innocenza o i loro comportamenti razionali, anzi… purtroppo ci sono centinaia, se non migliaia di fan dotati di una mentalità che potremmo definire leggermente… perversa. Il che probabilmente giova al buon nome della categoria.

exid_updown

Ovviamente non è una sorpresa che il mondo dell’intrattenimento miri ad un’immagine sexy e divertente. E si sa che il sesso vende sempre, e non importa quanto giovani possano essere gli idol, le compagnie troveranno sempre il modo di renderli oggetto di desiderio per le masse. Gli strumenti a loro disposizione sono numerosi: testi, coreografie, concept e outfit a volte troppo rivelatori. E non è una situazione che riguarda solamente le donne, come si potrebbe inizialmente pensare. Anzi, a volte ai ragazzi tocca essere ancora più espliciti, e lanciarsi in coreografie molto… suggestive.

Idols-oggetto, troppo giovani?

Ice Cream Cake delle Red Velvet

Ricordate questa hit? La più giovane del gruppo, Yeri, aveva solo 16 anni all’uscita della canzone. Ma chi si ricorda esattamente il testo?

“Dammela, questa torta gelato dal sapore dolce”

“Il gelato nella mia bocca, il mio petto sta per esplodere, verrai da me, vero?”

“E’ così saporita, vieni ed inseguimi, non riesco a tenerla dentro, io grido, tu gridi”

“Dammi, dammi quel gelato, si sta sciogliendo nella mia bocca, mettine tanto dentro”

“Baby boy, gli altri uomini non sanno niente, tu sei così bravo…”

Una torta gelato dal sapore un po’ troppo allusivo per una sedicenne, forse!

“No More Perfume On You” dei TEEN TOP

Un quindicenne che canta di una storia con una donna più grande dovrebbe essere considerato sexy? O rientra nell’ambito del penale? Stiamo parlando della famosa canzone dei TEEN TOP, uscita quando Changjo, il più piccolo del gruppo aveva solo 15 anni. Ed ecco il testo:

“ Non usare il tuo profumo, la mia fidanzata potrebbe scoprirlo. Non usare brillantini, potrebbero attaccarsi ai miei vestiti. Noona (donna più grande), tu sei tu, ma se veramente ti piaccio, non dire nulla, fa quello che ti dico e fallo bene”

Noona, il tuo corpo è veramente sexy, tutti dicono che tu sei un 10”.

Ovviamente si tratta solo di una canzone, ma forse tradire la propria ragazza con una donna più grande non è il tema più adatto per un ragazzo alle prime prese con il liceo…

“You&I” di IU

iu_youi

Esiste anche il processo inverso, dove una diciottenne viene mostrata nei panni di una quattordicenne tramite il sapiente uso di un outfit palesemente adatto ad una liceale. Questo è stato infatti il concept scelto per la promozione di “You&I”, dove l’idol veste una divisa scolastica con un taglio decisamente più corto del normale, persino l’acconciatura è pensata apposta per diminuire l’età della cantante.

“Paradise” degli INFINITE

Non solo il testo, ma anche la coreografia di questo pezzo è piuttosto esplicita! Ecco le parole in questione “Mi riempio di te ogni notte. Adesso è il momento di riempire il mio corpo abituato a te con l’alcol.” Ed ecco la coreografia:

infinite_paradise

Ricordiamoci che il più piccolo del gruppo aveva a malapena 18 anni!

“La La La” dei BigBang

bigbang_lalala

Anche i BigBang non sono stati da meno… avevano tutti meno di 20 anni quando questa canzone fu rilasciata, il più piccolo ne aveva solamente 16! Adesso questa mossa è comune a tantissimi gruppi, giovani e non, ma stiamo parlando di ben 10 anni fa e di un ragazzo, Seungri, ai tempi in piena età da liceo.

Taemin e il servizio fotografico per “Sherlock

taemin_sherlock

Quando le foto di questo servizio promozionale per l’uscita del singolo “Sherlock” degli SHINee furono pubblicate, causarono non poche polemiche. Lo scandalo girò attorno al più piccolo, Taemin, per il quale fu scelto uno stile che molti definirono “Shotaro” (termine nato nell’ambiente dei manga, una sorta di versione maschile della “lolita”, sta ad indicare un interesse verso i personaggi maschili con fattezze molto giovanili). Taemin aveva 18 anni, forse troppo pochi per uno stile così esplicito.

Tzuyu e il sexy ascensore

Chiudiamo con lo spot che fece parlare per la giovanissima età della protagonista: Tzuyu aveva solo 15 anni! Le immagini parlano da sole…

Non sempre però debuttare così giovani ha portato ad una sfavillante carriera! Qualcuno forse si ricorderà del caso del giovanissimo Samuel, un ragazzo classe 2002, che avrebbe dovuto debuttare con i SEVENTEEN a soli 12/13 anni. Fu però scartato, secondo i più, proprio a causa della giovanissima età.

samuel_1punch

Samuel si è quindi trovato a dover cambiare casa discografica e genere musicale, debuttando in un duo hip-hop, gli 1PUNCH, accoppiato ad un ragazzo molto più grande di lui. Anche questa strada si è rivelata essere senza sbocco, quantomeno per lui, dato che il gruppo si sciolse, ma il maggiore fu in seguito accettato come trainee alla famosa YG Entertainment.

Stesso fato per i due dei gruppi sopracitati, le GP Basic e le Girl Story, delle quali non si sente più parlare da diversi anni.

L’inversione del trend

Dopo tutti questi dati, verrebbe da pensare che la situazione stia peggiorando, e che ben presto ci ritroveremo con degli idol che fanno ancora uso del biberon. E invece i dati dimostrano che non è così. Considerando gli anni dei componenti dei gruppi al debutto dal 2005 ad oggi, risulta evidente che l’età media è andata a salire, passando da un mero 19,1 ad un numero che supera i 21, ovviamente con le dovute eccezioni. Rincuorante, vero?

Ma allora perché continuano ad esserci così pochi idol over 30? Si tratta di una realtà che può sembrare piuttosto strana per il mondo occidentale, ma è una consuetudine del mondo Kpop, soprattutto per quanto riguarda gli uomini. Eh si, non è poi così raro trovare ragazze che continuano tranquillamente la propria carriera nel mondo della musica:

  • Qri e Boram delle T-ARA, 30 anni
  • Dara e Bom delle 2NE1, 32 anni
  • Sojin delle Girls’ Day, 30 anni
  • Lee Hyori 37 anni

e la lista continua… peccato che per gli uomini solitamente non sia così, complice il servizio militare obbligatorio, a cui devono sottoporsi ovviamente anche gli idol, spesso e volentieri all’apice della loro carriera.

Si è sempre cercato, inoltre, di puntare su volti freschi, idol nuovi di zecca che possano far breccia nei giovani cuori delle fan. Ma anche qui si comincia a registrare qualche piccola inversione di tendenza: con l’ampliarsi degli amanti del genere oltre i confini prettamente asiatici, si è alzata l’età media dei fan, che va ora ad abbracciare un range molto più ampio. Per non parlare del fatto che il tempo passa anche per i fan stessi, e non tutti abbandonano la passione per questo genere con l’avanzare degli anni.

Risultato? Fan sempre più grandi che potrebbero trovarsi a disagio a seguire solamente idols 10 anni più giovani di loro. Sono inoltre fan molto fedeli, che probabilmente non abbandoneranno i propri beniamini nemmeno durante il duro periodo di leva. Alcuni gruppi, poi, sono così numerosi da poter sopperire alla mancanza momentanea di qualche membro.

Sarà forse questa la generazione di idols che riuscirà a rompere la barriera dei 30, dando così il tempo di crescere a quei giovanissimi che invece si troverebbero a debuttare troppo presto? Noi ce lo auguriamo!

100 cuori per questo articolo

Comments

  1. Nay

    Bel post, ma vorrei solo correggere “Qui” … Si scrive Qri.
    Per il resto… Beh, c’è d riflettere!
    Anche se in alcuni non trovo molto scandalo, c’è chi ha fatto di peggio.
    Grazie per le informazioni che date, ormai uso solo questo sito per saperne di più.

    • Giuliana

      Grazie per il commento e per l’appunto, il correttore automatico si è divertito a giocare questo scherzetto!

      • Nay

        Ahahaha Lo immagino xD Avevo solo avvisato, perche adoro questo sito, date informazioni per chi è appassionato del Kpop in Italia, grazie per il laviro che fate!! 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!