Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

HO, ex-MADTOWN spiega il dietro le quinte dei programmi musicali coreani

HO, ex-MADTOWN spiega il dietro le quinte dei programmi musicali coreani

| On 09, Dic 2018

Amate Music Core, Inkigayo, M!Countdown o Music Bank e avete voglia di capire come funzionino realmente, cosa debbano fare gli idol e i vari meccanismi interni? HO, ex-componente dei MADTOWN ha deciso di rispondere a molti di questi quesiti durante un live sul suo canale AfreecaTV spiegando com’è essere un idol che si esibisce nel programmi musicali coreani!

Quando promuovi negli spettacoli musicali, devi passare l’intera giornata lì. Ci sono spettacoli musicali per tutta la settimana, un tempo erano solo di giovedì, venerdì, sabato e domenica, ma adesso ce n’è uno ogni giorno quindi non ci si riesce più a riposare.

HO ha usato come esempio il “Music Bank”, definito dall’idol il più faticoso e difficile da registrare questo perchè le prove iniziano alle 5 o alle 6 del mattino, molto presto rispetto all’orario della messa in onda che è nel tardo pomeriggio, alle 17.00. Quando si fanno le prove, tutti gli artisti sono seduti tra il pubblico (nei posti dove siedono i fan) e tutti si alternano per provare senza trucco con le targhette ai vestiti comodi delle prove. Prima dello spettacolo ci sono i vari preparativi per la trasmissione, tra cui tre prove: la prima prova base, una prova generale con abiti da palcoscenico, trucco e targhette e una prova generale per le riprese. Dopo le prove c’è il momento del trucco, capelli e vestiti.

Dopo quello, si mangia e si dorme, prima di essere svegliati alle 10 per la seconda prova, stessa cosa per la terza prova, dopo non è concesso altro sonno per evitare il gonfiore al volto. Gli artisti che hanno programmi individuali, li fanno durante queste pause.

HO spiega che lo spettacolo di solito dura circa un’ora, e alla fine, tutti attendono nella sala d’aspetto o nei corridoio per saltare e ringraziare regista, sceneggiatori e salutare altri artisti. Poi quando segue anche un fanmeeting fuori dagli studio, il gruppo arriva al dormitorio alle 22 o 23 di sera.

Gli artisti sono collegati con i loro microfoni e monitor in-ear prima di andare sul palco per le prove e le esibizioni dal vivo. Ciò significa che mentre aspettano il loro turno, sentono le esibizioni e il modo in cui canta realmente l’artista che li precede. Quando guardi una performance, probabilmente sembra che sia tutto in lip-sync, in realtà spesso non c’è, spiega HO. A volte sono solo il 30% delle voci che vengono suonata in sottofondo. Quando c’è una nota alta, il 50 o il 60 percento viene riprodotto.

16 cuori per questo articolo

Lascia un commento

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.